I giovedì della Botanica 2015

I giovedì della Botanica 2015

Diciottesimo ciclo di conferenze sulla flora del Trentino... e non solo

organizzato dalla
Società Museo Civico di Rovereto

presso la
Sala Sonvegni "Fortunato Zeni" della Fondazione Museo Civico di Rovereto
Borgo S. Caterina 41
ore 18.00-19.30

ingresso libero

Info
Fondazione Museo Civico di Rovereto
B.go S.Caterina, 41
38068 Rovereto TN
tel. +39 / 0464 452800
fax + 39 / 0464 439487
museo@fondazionemcr.it

Le conferenze sono riconosciute come attività di aggiornamento per gli insegnanti.


Programma

Giovedì 5 marzo 2015
Fiori e antichi sentieri nella Valle di Terragnolo
Renato Stedile, Silvano Zorer e Antonio Sarzo
Recenti interventi hanno consentito il recupero e la valorizzazione di due antichi sentieri nella Valle di Terragnolo: il "Sentiero delle Teragnole" e il "Sentiero della Cesura". Questi percorsi non solo offrono nuove possibilità escursionistiche in uno scenario paesaggistico di grande suggestione ma consentono anche di apprezzare i valori etnografici e naturalistici del territorio, tra cui una flora ancora ricca e sorprendente.

Giovedì 12 marzo 2015
Flora di guerra
Filippo Prosser
Le distruzioni, l’incuria ed i traffici causati dalla prima guerra mondiale ebbero come conseguenza l’ingresso di varie specie esotiche nel nostro territorio. Alcune di esse rimasero in modo stabile. Botanici locali, tra cui Giuseppe Dalla Fior e Luigi Biasioni, subito dopo la fine del conflitto eseguirono puntuali indagini per rilevare il fenomeno. Grazie ai loro rilevamenti è oggi possibile ricostruire alcuni aspetti di quell’ondata di flora aliena.

Giovedì 19 marzo 2015
Trentino outdoor: un volume sulla natura del Trentino
Alessio Bertolli e Giulia Tomasi
Dalle Dolomiti Patrimonio UNESCO al Lago di Garda, un susseguirsi di vallate, colline e montagne custodiscono una varietà incredibile di ambienti e panorami. "Trentino outdoor" è un volume che racconta gli aspetti naturalistici più rilevanti di questo straordinario territorio da un insolito punto di vista, passando in rassegna non solo i suoi ambienti naturali, opere esclusive e inimitabili della natura, ma anche quelli agro-pastorali, la cui origine va ricercata nell’antica, laboriosa e genuina tradizione trentina. Nel corso della conferenza queste meraviglie saranno svelate poco per volta, sottolineando la loro importanza naturalistica e affrontando anche aspetti delicati come quelli conservativi.

Giovedì 26 marzo 2015
Lo strano caso di un erbario ritrovato
Giuseppe Busnardo
Verrà raccontato con quali strategie investigative sia stato possibile attribuire a Giambattista Brocchi, forse il maggior naturalista italiano di inizio Ottocento, un piccolo erbario del tutto anonimo che venne ritrovato casualmente in una casa di Lusiana, al margine dell’Altipiano di Asiago. Questo erbario si è rivelato importante anche per il Trentino in quanto contiene alcuni campioni raccolti già ad inizio Ottocento nei monti di Fiemme e Fassa: sono tra i reperti botanici più antichi noti in provincia.

Giovedì 2 aprile 2015
La diateca della Fondazione MCR
Giulia Tomasi e Filippo Prosser
Il museo civico si trova a possedere un archivio di oltre 100.000 diapositive di soggetto botanico. Gli autori degli scatti sono soprattutto Luciano Maffei, Giorgio Perazza e Filippo Prosser. Questo materiale, che documenta la flora del Trentino prima dell’avvento del digitale, era difficilmente fruibile e rischiava di alterarsi con il tempo. Grazie ad un finanziamento della Fondazione CARITRO è stato possibile digitalizzare tutto il materiale e renderlo in gran parte fruibile tramite internet.

 
Scroll to Top