E-shop

L'impero di marmo

Un film di Folco Quilici

Una colonna di granito rosa al Pantheon. A duemila chilometri di distanza, ecco dove venne estratta, in un Egitto montuoso e desolato, per essere poi di lì trasportata nel deserto, poi fino al Nilo, disceso in zattera. E attraverso il Mediterraneo caricata su una nave speciale sino a Roma per essere innalzata con un'operazione ciclopica, assieme alle altre del Pantheon e della Basilica Ulpia. Possenti e stupende come le mille opere di marmo che fecero unica Roma imperiale. Marmi da ogni parte dell'impero: giallo oro dalla Numidia, rosso dal Peloponneso, alabastri rosa dall'Algeria, verde dalla Tessaglia, rosso sangue dalla Tebaide.

Un film rigorosamente scientifico, ispirato all'opera Marmora Romana di Raniero Gnoli, narra dei "cacciatori di marmi" ieri e oggi alla ricerca di giacimenti a volte più preziosi di quelli auriferi, quelli della "pietra che riluce". Esaltazione della regalità divina degli Imperatori, ritratti di donne splendide, di guerrieri, di schiavi, di mitici esseri e divinità dorate con intarsi preziosi. La "pietra che riluce", protagonista di una "avventura archeologica" realizzata da Folco Quilici con la sua consueta abilità narrativa.

Il film - presentato fuori concorso alla XV Rassegna Internazionale del Cinema Archeologico di Rovereto - è inserito nella Banca Dati "Cinematografia" del Museo.
Per consultare la scheda, cliccare qui

TitoloL'impero di marmo
RegiaFolco Quilici
ContributiConsulenza scientifica: Dario Del Bufalo - Direttore della fotografia: Riccardo Grassetti - Testi: Marino Maranzana - Musica: Vincenzo Ricca - Montaggio: Marilena Grassi
ProduzioneIstituto Luce, Roma
Anno 2004
Durata58'
Argomento
Archeologia
FormatoDVD
 
Scroll to Top