MONITORAGGIO AMBIENTALE

Monitoraggio ambientale

Il monitoraggio ambientale eseguito dalla Fondazione Museo Civico di Rovereto sul territorio si suddivide in diversi grandi temi:
- monitoraggio della presenza di odori molesti
- campionamento delle polveri sottili
- rilevamento di immagini iperspettrali dei fumi industriali
- monitoraggio di acque e bioindicatori (licheni, zanzara tigre, pozzi)
- censimento del colombo (Columba livia var. domestica)

Nel 1997 ha avuto inizio a Rovereto e nel Basso Trentino il monitoraggio della presenza di Aedes albopictus (zanzara tigre), tramite il posizionamento di ovitrappole nelle zone interessate dalla sua diffusione. I dati raccolti sono stati strutturati in un database, che di ogni ovitrappola riporta la percentuale di positività registrata ogni anno. Attualmente l'area monitorata comprende la Vallagarina, da Aldeno a Avio, e le ovitrappole controllate sono circa 250.

Il contenuto di metalli pesanti nei licheni Xanthoria parietina e Pseudevernia furfuracea è monitorata ogni due anni dal 2014, su 13 stazioni di campionamento distribuite nel comune di Rovereto. I dati riguardano il biomonitoraggio tramite licheni epifiti come bioaccumulatori nelle indagini sulla qualità dell'aria.

La Fondazione Museo Civico di Rovereto collabora con il Comune di Rovereto nell'ambito del progetto EMAS (Eco-Management and Audit Scheme), sistema comunitario di ecogestione e audit sulla gestione ambientale in atto, sulle prestazioni ambientali raggiunte e sul miglioramento atteso. 

 
Scroll to Top